loading page

Le barriere reattive permeabili per la bonifica delle acque sotterranee
  • Thumbnail
  • Vincenzo Ricciardi
Vincenzo Ricciardi
University of Salerno
Author Profile
Medium

Peer review timeline

26 May 2020Submitted to Tecnologie per l'ambiente
03 Jun 2020Editor invited a reviewer
03 Jun 2020Editor invited a reviewer
03 Jun 2020Editor invited a reviewer
04 Jun 2020Review Report #2 received
05 Jun 2020Review Report #1 received
05 Jun 2020Review Report #3 received
08 Jun 2020Editor invited a reviewer
15 Jun 2020Review Report #4 received
22 Jul 2020Published in Tecnologie per l'ambiente

Abstract

L’inquinamento, provocato da attività agricole e industriali, può causare la contaminazione delle matrici ambientali, costituendo un rischio significativo per l'approvvigionamento di acqua potabile e per gli ecosistemi. Pertanto, negli Stati Uniti e in Europa si sono sviluppate, nel corso degli anni, diverse tecniche di bonifica. In particolare, per il risanamento di acque sotterranee, un metodo in situ relativamente nuovo e potenzialmente importante è la barriera reattiva permeabile (BRP). Essa prevede la realizzazione di una barriera all’interno della zona satura del terreno con materiali reattivi per il trattamento di contaminanti organici e inorganici presenti in forma disciolta nell’acqua di falda. L'articolo illustra il funzionamento delle BRP attraverso l’esposizione di un caso studio, dove tale tecnologia ha permesso di ridurre le concentrazioni di uranio nelle acque sotterranee di un sito di stoccaggio.