loading page

Trattamenti avanzati delle acque reflue per la rimozione di contaminanti  emergenti       
  • Paola Barra
Paola Barra
Author Profile

Abstract

Con il continuo incremento del consumismo e il culto della cura personale e fisica, negli ultimi anni sono sempre più ingenti le quantità di contaminanti emergenti riscontrati a valle degli impianti di trattamento delle acque reflue. In questo studio si è posta particolarmente attenzione sui metodi avanzati di degradazione (AOP) di prodotti farmaceutici, in particolare il diclofenac (DCF) è stato preso in esame. E' importante ridurre la presenza di tali contaminanti in ambiente marino in quanto essi causano effetti negativi sugli organismi acquatici, e indirettamente sull'uomo, anche a quantità molto basse ( 1 μg L-1 ).   Per rimuovere il DCF dagli effluenti sono state sviluppate tecniche innovative che combinano ossidazione e sonicazione in modo da riuscire a degradare il farmaco tramite l’uso dei radicali generati dalla decomposizione dell’ozono (ozonizzazione) e dall’ azione di onde acustiche (sonicazione). In particolare si è scoperto che dalla sinergia dei due trattamenti il tasso di rimozione del farmaco risulta ampiamente maggiore per durate del trattamento brevi.